giovedì, ottobre 30, 2008

Le spranghe fasciste ed il fallimento di Re Silvio

Non sono passati che qualche giorno dalle dichiarazioni della coppia Berlusconi-Cossiga (anzi Kossika)che dalle parole si è passati ai fatti. Una cinquantina di fascisti, in uniforme da picchiatore fascista (che è poi la stessa da sempre) hanno aggredito a colpi di spranghe e bastoni gli studenti in Piazza Navona, il tutto sotto gli occhi complici della polizia, prima di subire la reazione da parte, con tutta probabilità, di gente dei centri sociali o studenti un po' più grandi dei quattordicenni sprangati ferocemente, lo ripeto, sotto gli occhi della polizia italiana.
Le foto pubblicate e circolanti parlano chiaro e non lasciano adito a dubbi di sorta, come la testimonianza di Curzio Maltese su Repubblica.
E' del tutto evidente che chi fa certe azioni a volto scoperto le faccia perché sa di poterle fare, ovvero gli sono state date delle garanzie. E' altrettanto evidente che questo gruppo di fasciti è stato mandato all'attacco per creare divisioni e paura, per cercare di sviare l'attenzione dell'opinione pubblica verso il problema ordine pubblico, insomma le solite azioni diversive.
Questo però dimostra chiaramente che il Governo è in netta difficoltà, e ha il terrore di perdere tutto quel consenso, peraltro virtuale, che finora ha vantato.
Berlusconi, si sa, ama essere amato e non concepisce che qualcuno non lo adori.
Perciò ha riempito il governo di lacché (in qualche caso in senso non solo metaforico)e di ministri nella gran parte dei casi privi di personalità.
Non solo, ma pretende che l'opposizione sia docile come un agnellino, che i giornali siano entusiasti sostenitori di qualsiasi iniziativa governativa, che le televisoni "non diffondano pessimismo" come ha dichiarato proprio ieri con la sua solita faccia tosta.
Se non sopporta nemmeno la pavida opposizione di centro (sinistra), la televisione e la stampa più ammaestrate che ci siano in occidente, come può sopportare decine di migliaia di studenti chiassosi e determinati, e sopratutto fantasiosi in un modo imprevedibile?
Ma capisco la sua rabbia: ha passato una vita a rimbambire la gente con i programmi più stupidi che si siano mai visti, e adesso comprende una cosa: che ha fallito.
E la parola fallimento è una di quelle che proprio non riesce a sopportare.
Ps
Oggi manifestazioni in tutta Italia ed una gigantesca a Roma. Confesso che pensare alla faccia di qaulcuno mi fa godere in modo smisurato.
Ps Ps
Nelle foto si vedono i militanti di Blocco Studentesco caricare gli studenti, nella seconda si accaniscono con uno studente a terra


Nessun commento: