sabato, novembre 06, 2010

Il Re dei Rigirafrittate

L'ultima uscita di Silvio Berlusconi: "Meglio apprezzare le belle ragazze che essere gay" che ha suscitato proteste e sdegno, ma anche una diffusa solidarietà e comprensione, andrebbe analizzata con ben altri strumenti che quelli della indignazione.
Non ritengo innanzitutto che si tratti di un insulto nei confronti dei gay, come titolava "la Repubblica", caso mai di un dileggio.
Per spiegarmi meglio, Berlusconi in quanto presidente Milan ha spesso dileggiato gli interisti rinfacciando la mancanza di successi dei nerazzurri al confronto dei successi milanisti. Lasciamo stare che sia una cosa che da un po' di anni non si può più permettere, quello che segnalo è che questo tipo di retorica è quella del dileggio.
Dileggiare, volgarmente detto "sfottere", significa far notare una vera o presunta superiorità rispetto all'avversario che appunto si vuole sfottere e di cui si vuol far vedere l'inferiorità.
Certamente è un atteggiamento offensivo, nel senso che chi è vittima di questo atteggiamento può ritenersi offeso, ma si riferisce ad un universo di valori che altre persone possono condividere. Quindi gli sfottò verso gli avversari calcistici sono condivisi da chi è della tua stessa fede calcistica.
Peraltro il calcio si basa sulla contrapposizione e sulla presunzione di superiorità "a prescindere" nei confronti degli avversari.
Il tirare fuori i gay (che non c'entravano nulla e non sono evidentemente responsabili dei guai in cui il signor B: si caccia ormai con regolarità allarmante) serve a due scopi principali: il primo è quello di stornare l'attenzione dalle accuse che sono state rivolte a Berlusconi,da un fronte molto ampio che comprende anche una parte del suo stesso elettorato, il secondo è di cercare consenso tra la massa dei "senza opinione" quella massa di persone poco informate e superficiali per cui una battuta azzeccata (azzeccata dal loro punto di vista) vale di più della forza dei fatti.
Berlusconi non è messo sotto accusa perché apprezza il gentil sesso, ma perché è intervenuto presso la questura di Milano per ottenere il rilascio ed affidamento a "persona fidata" di una minorenne accusata di furto.
Che poi l'affidamento sia durato solo poche ore, dimostra quanto a Berlusconi interessi veramente la persona.
Si tratta di una grave violazione del principio di uguaglianza tra cittadini e di rispetto delle leggi, non solo da parte di Berlusconi, evidentemente, ed è di questo che Berlusconi dovrebbe rispondere.
In quanto all'apprezzare ragazze, un conto è questo, un conto è circondarsi di quelle che sono a tutti gli effetti prostitute o "donnine di facili costumi".
Comprare il sesso, comprare le persone, è una cosa diversa sia dal "libertinaggio" sia dall'amore, tra persone di sesso diverso o dello stesso che sia.
L'amore è una delle più belle cose che ci sia, anzi la più bella, a prescindere dal sogetto amato.
Comprare le persone, manipolarle, usarle e poi gettarle è una cosa che non ha nulla a che vedere con questo.
Il signor B. fa il furbo anche stavolta e si pone come una vittima, tipico della personalità narcisista; volete impedirmi qualche innocuo passatempo.
il secondo scopo, come detto, serve creare consenso. Berlusconi ha preso molto dal mondo del calcio, appunto la contrapposizione, lo spirito di pare ed il dileggio nei confronti dell'avversario. Le sue "battute" su Rosy Bindi "più bella che intelligente" fanno l'occhiolino all'atteggiamento per cui si giudicano le persone dall'aspetto fisico e non dalla sostanza intellettuale, oltre che essere un evidente moto di invidia e stizza verso chi si intuisce come superiore intellettualmente e moralmente.
Allo stesso modo tirando in ballo i gay si rivolge a quella maggioranza silenziosa, che gay non è, e che magari condivide il disprezzo verso questa categoria, in cerca di solidarietà.
E' ovvio che la preferenza di una cosa rispetto ad un altra è una cosa legittima, ma qui c'è una affermazione di valore: meglio questo che quello.
Berlusconi fa l'occhiolino all'italiano medio convinto (più meno) della propria virilità e della propria superiorità rispetto ai "diversi", stimola lo spirito di squadra (noi siamo superiori ai gay in quanto etero, come siamo migliori degli interisti, degli extracomunitari e dei comunisti nonché di quelle bruttone come Rosy Bindi, meglio la Carfagna di Rosy, vero ragazzi?)ed indica l'avversario da dileggiare.
Un ennesimo capolavoro di cialtroneria da parte del Re delle frittate capovolte.
Ed intanto l'Italia affonda nel fango, nella crisi economica e nei rifiuti...

1 commento:

sonatin ha detto...

ciao pablo,
ti andrebbe di recensire il nuovo ep del gruppo con cui suono? ti lascio la mail.. sonatinmusic@gmail.com