giovedì, gennaio 26, 2012

E se al governo ci fosse un computer?


A me sta storia del "governo tecnico" non convince proprio. cosa vorrebbe dire "governo tecnico" ?
IL governo è l'organo politico per eccellenza. Qualsiasi governo è politico, innanzitutto e inevitabilmente. Un governo tecnico è comunque un governo politico, è comunque espressione di una maggioranza politica, e mette in atto delle politiche, che non sono "tecniche" ma sono inerenti a scelte politiche ed economiche basate su interessi ed ideologicamente motivate.
IL governo Monti, ben lungi dall'essere un governo che applica con equità ed imparzialità decisioni "tecniche" ha fato vedere chiaramente quali interessi difende: blocco delle pensioni, allungamento dell'età pensionabile, aumenti di Ici e catasto, tagli al settore pubblico, nessun taglio alle spese militari, poco o niente ai "costi della politica "(l'indennità parlamentare è stata in realtà aumentata di 1000 euro) Niente patrimoniale nemmeno nelle forme più soft, niente ICI ai beni della Chiesa (non parliamo di chiese ma di edifici, scuole etc, e niente ICI nemmeno alle banche: liberalizzazioni che non colpiscono i veri monopoli, dalle TLC alle banche, ma taxisti e farmacie (sic!). Certo c'è stato qualche tassa in più sui beni di lusso e qualche spettacolare e mediatica caccia all'evasore. Peraltro, se è apprezzabile lo sforzo che la Guardia di Finanza sta facendo, va ricordato che in un paese normale la lotta all'evasione dovrebbe essere un fatto normale, non una cosa straordinaria manco stessimo resistendo ad una invasione aliena.
Per il resto il governo si sta dedicando ad attaccare l'articolo 18, con la motivazione che i diritti sono privilegi (ed i privilegi sono diritti)
Per avere un governo tecnico vero, dovremmo avere un governo fatto da un computer, che prendesse decisioni non in base agli interessi della razza padrona ben rappresentata dall'amico dei bacnhieri Monti e CO, ma dal matematico calcolo dell'interesse comune. Basterebbe inserire le voci "equità" "solidarietà" "giustizia" "sviluppo" e vedere un po' cosa farebbe i nostro computer. credo che le decisioni sarebbero un bel po' diverse, tipo ad esempio un bel taglio deciso a tutti gli stipendi dei cosidetti super manager, un taglio a tutte le spese inutili, l'accorpamento di carabinieri e POlizia, che farebbe risparmiare parecchio denaro aumentando l'efficienza, una riduzione degli stipendi e del numero di politici, abolizione di auto blu e voli riservati, tassa sull'inquinamento, incentivi seri per creare occupazione, taglio delle tasse per i ceti popolari, e chissà quanti altri provvedienti che il mio limitato cervello non può concepire, ma un cervellone elettronico sicuramente sì.
E di sicuro non ci sarebbe il continuo attacco ai diritti che i lavoratori hanno conquistato, che sembra essere l'ossessione di questi governanti tanto poco tecnici quanto spudoratamente ideologici.

1 commento:

upupa ha detto...

Sto perdendo le speranze...e so che è una brutta cosa!!!!!!!!!!!!!