martedì, marzo 28, 2006

Ma chi ha detto che il crimine non paga?


Una vecchia canzone di Joe Jackson, dal classico album "Beat Crazy", raccontava la storia di un tipo che in un bar attaccava bottone con uno sconosciuto raccontando le sue disavventure, che erano culminate col fatto che "qualcuno si era preso una sbandata per la sua giacca ed il suo portafoglio".
Per associazione di idee, mi è venuta in mente il testo di questa canzone, ripensando a un certo numero di provvedimenti (le famose "riforme" operate dall'illustre governo dell'illustre Sir Berlusconi (diciamola all'inglese, già che ci siamo)
In effetti, se qualcuno volesse, potrebbe aprire una qualsiasi attività, falsificare i bilanci (reato depenalizzato) fcreare dei fondi neri evadendo le tasse, usufruendo, nel caso, del condono cosidetto tombale, con questi fondi neri potrebbe pagare in nero tangenti ( anche questo si può condonare pagando una semplice ammenda) esportare i capitali all'estero senza timore di qualche rogatoria (possibile, ma terribilmente complicata) possibilmente in qualcuno dei paradisi fiscali, all'occorrenza far rientrare gli stessi capitali in italia usufruendo del cosidetto "scudo fiscale", senza pagare nulla, investire i soldi in attiivtà speculative che sono meno tassate di un semplice conto in banca (12,5% controil 27% a fronte di introiti ben maggiori)
Può persino permettersi di fallire senza per questo averne conseguenze particolari, visto l'abolizione di tutte le sanzioni a questo riguardo, e anche in caso di bancarotta non si rischia molto.
Se poi qualche toga rossa dovesse rompere le uova nel paniere, ricordiamoci del fatto che si può (legge Cirami e successive) chiedere lo spostamento del processo e con un avvocato un minimo abile, dilazionare i tempi del processo fino a che il reato non cada in prescrizione (tempi accorciati anche su questo). E poi, se proprio malauguratamente, si dovesse arrivare a celebrare questo benedetto processo (ma dovreste essere proprio degli sfigati di prima categoria) ricordatevi che se venite assolti in prima istanza, basta l'avete fatta franca, perché si può ricorrere avverso la sentenza solo se questa è di condanna
Ah mi dimenticavo, come finisce la storiella raccontata dal bravo Joe Jackson? Che l'interlocutore del protagonista gli risponde "Per me inveceè stata una bella giornata, ho una nuova giacca e un bel vestito nuovo di zecca, e non mi dica che il crimine non paga"

Nessun commento: