martedì, gennaio 09, 2007

L'inverno caldo

Giuste osservazioni quelle di Starless nel suo post su questo caldo inverno.
Che la situazione ambientale sia ormai insostenibile se ne stanno accorgendo persino i governi. Ma pare che lo facciano solo per rilanciare Nucleare e Carbone, che non sono certo fonti energetiche a basso impatto ambientale, nè poco costose. PErò sono fonti che, sopratutto nel caso dell'energia nucleare, consentono un controllo maggiore della società da parte dei centri dipotere. NOn è un caso che gli stati che hanno sul proprio territorio centrali nucleari, abbiano anche la Bomba atomica. O pensavate che fossero solo quei cattivoni di Iraniani ad averci pensato?
Varrebbe la pena riscoprire (o scoprire) l'Opera di Murray Bookchin, uno dei maggiori pensatori ecologisti e libertari del secolo passato (nel senso del ventesimo) di recente scomparso, secondo cui la ragione ultima della distruzione dell'ambiente risiede nel sistema di dominio tra uomo e uomo (e tra uomo e donna) che produce, tra le altre cose, anche la distruzione dell'ambiente. Lo sfruttamento dell'uomo sulla natura è il corollario necessario del problema dello sfruttamento dell'uomo sull'uomo.
Vedasi la questione OGM, la pretesa di brevettare il vivente, compreso forse anche l'uomo e tutte le delizie della globalizzazione.

1 commento:

erri ha detto...

Sono totalmente d'accordo con te! La "civiltà" umana dominante (è una tautologia, ma come altrimenti definirla?) si basa su un principio esclusivo: Mors tua vita mea. La celebre scimmia dell'inizio di 2001 Odissea nello spazio. Ci sarebbero ben altri modi di rapportarsi all'alterità (sia essa rappresentata dall'ambiente o da un altro essere umano), ma le culture portatrici di valori di solidarietà, di mutua collaborazione, sono state represse, vinte, sterminate.
Eppure, nonostante l'evidenza, ancora qualcuno crede che possa esistere un potere "buono"....
NO COMMENT!