giovedì, gennaio 25, 2007

The Prestige: un Thriller col trucco


The Prestige è l'ultima fatica di Cristopher Nolan, regista assurto a notorietà con il curioso ( e sopravvalutato) Memento, notorietà rinsaldata dal famoso (e sopravvalutato) Batman Begins. Il film narra la storia di due prestigiatori, una volta colleghi se non amici, poi divisi da un incidente avvenuto sul palcoscenico e che è costato la vita alla moglie di uno dei due. Da lì in poi inizia una specie di duello tra i due, fatto di scherzi pesanti e "spionaggio magico". La vicenda si snoda un po' frastagliata e confusa, e i salti spazio temporali che Nolan ammannisce al pubblico, fatti giusto per riocordare che lui è il regista di "Memento", di certo non facilitano la comprensione della già intricata trama. Trama che via via che ci si avvicina alla fine si incarta su se stessa, vittima del tentativo di regista e sceneggiatore di stupire a colpi di scena lo spettatore. Il problema è che i colpi di scena un po' sono telefonati, e un po' francamente troppo irrealistici per essere credibili. Il rischio di una trama con meccanismo ad orologeria è che se il meccanismo è men che perfetto tutto crolla e si risolve in una grossa delusione. Il che avviene puntualmente ( e almeno in questo il eccanismo ad orologeria funziona!)anche in questo film.
Peccato perché la vicenda dell'ossessione avrebbe potuto portare a una sorta di "I duellanti" in salsa magica. Oltre a quanto già detto il film non ha altri particolari motivi di interessi, nè musica nè regia nè altro. Il cast straborda di nomi più o meno famosi, tra cui un David Bowie insolitamente grasso e L'Andy Serkis noto per aver impersonato il Gollum nel Signore degli Anelli. Nel duello Tra "Wolverine" Jackman e "Batman Begins " Bale per me vince il primo. Scarlett Johannson è bamboleggiante e decorativa come la solito.Ma
tra tutti questi alla fine è il buon vecchio Michael Caine a vincere a mani basse.
Due stellette e via andare.

Nessun commento: