domenica, gennaio 06, 2008

Ne fanno di cotte e di crude...

Non sono un fruitore dei telegiornali, poichè li ritengo semplicemente e puramente dei contenitori di spazzatura ideologica che ci viene spacciata come informazione.
Questo mio pregiudizio (ma forse non tanto pre) mi viene riconfermato da quanto leggo in rete (che, con tutti i suoi difetti, rimane ormai pressochè l'unico spazio di informazione libera).
Pare infatti che Gianni Riotta nella puntata del Tg1 di inizio anno l'abbia fatta grossa: sì è permesso la "libertà" di modificare la Costituzione Italiana togliendo da essa (tra le altre cose) i limiti imposti alla proprietà privata stabiliti dalla Costituzione, che la riconosce sì, ma stabilisce che questa non possa andare contro i diritti, la dignità e la sicurezza degli altri cittadini.
E tutto questo con i cadaveri ancora caldi dei 7 operai torinesi uccisi dalla mancanza di norme di sicurezza.
Si vergogni, signor Riotta!

Nessun commento: