lunedì, marzo 03, 2008

Perché il PD è una disgrazia tanto quanto Berlusconi

1) per il banale motivo che scegliendo di "correre da sola" (battuta!) o meglio di isolare la sinistra (quel che ne rimane almeno) ha scelto di far vincere la Destra. Si badi che non è un errore, è una strategia preannunciata. Il concetto è di fare un partito di centro che "predica a sinistra" per poi razzolare a destra. Da questo punto di vista non è importante battere Berlusconi ma che si tolgano dalle scatole quegli inutili "estremisti" che non hanno capito che in una democrazia moderna l'importante non è vincere per cambiare le cose, ma vincere per non cambiare nulla, e a questo punto tanto vale perdere.
2) Perché il PD è il più grottesco, inutile, ipocrita condensato di luogocomunismi, buonismi ipocriti e fregnacce che vorrebbero essere all'americana, ma rimangono sempre all'amatriciana.
Veltroni ha presentato, nei giorni scorsi tre "lavoratori" (ovvero tre lavoratori dipendenti, cioè proletari, per dire una parolaccia che non si può più dire) peccato però che, poi, nei primi posti delle liste del PD (che notoriamente, sono quelli buoni per venire eletto, gli altri fanno numero) ci siano il figlio di Colannino, uno dei tanti capitalisti di Stato che si sono arricchiti mandando in rovina le aziende amministrate (e per questo ha subito una condanna, ovviamente indultata) e Massimo Calearo, presidente di Federmeccanica, ovvero il sindacato che rappresenta la controparte dei lavoratori.
Si candida una ragazza di 26 anni, che Veltroni presenta come Pippo Baudo presenta le vallette a Sanremo, come la dimostrazione che il Piddì è un partito Ggiovane per i Ggiovani" dopodichè nei primissimi posti in lista c'è Veronesi il grande (e un pochino ambiguo) oncologo che di primavere ne fa 82.
Però per compensare , attenzione, il fatto che Veronesi sia"laicista" (che è una specie di insulto riservato a chi è laico, ovvero non è un baciapile della peggior specie o un ipocrita lacchè del Vaticano) allora si presenta non solo la Binetti (una che fa parte dell'Opus Dei, potentissima organizzazione cattolica, una specie di P2 del cattolicesiimo ) ma anche un giovine di cui mi sfugge il nome che presenta in televisione le messe e , insomma. è considerato una specie di "portavoce del Vaticano".
Contemporaneamentesi è allontanato (senza buttarlo fuori esplicitamente) Odifreddi, colui che aveva posto il problema della laicità dello Stato, colui che aveva osato dire che "la fede religiosa attiene alla sfera del privato non del pubblico".Questa cosa ovvia e, oserei dire, sacrosanta, è stata definita "sciocchezza" da uno dei fedelissimi di D'alema tale Latorre.
E difatti nella carta programmatica del PD viene affermata «la rilevanza nella sfera pubblica, e non solo privata, delle religioni».
A completare il quadretto, poi, la candidatura di un generale, tanto per ricordare che l'Italia continuerà a fare le guerre, chiamandole "missione di pace " o altri neologismi da bispensiero.
Ha fatto scalpore la non candidatura di De Mita, ma è stato semplicemente fatto fuori un tizio che non aveva ormai più carte da giocare. I D'Alema, I Fassino e tutti i vari capi e capetti locali di Margherita e DS sono candidati e ai posti d'onore.
Il rinnovamento promesso all'epoca delle primarie è stato semplicemente uno slogan per gli sprovveduti.
Che vinca quindi il Centro destra (che io chiamerei destra) o il centrosinistra che chiamerei Centro) le cose saranno del tutto simili.
Non si abbasseranno le tasse, perché l'europa non lo consente e con una crisi recessiva e finanziaria che potrebbe essere durissima alleporte chi dice il contrario (ovvero tutti e due i contendenti) sta solo facendo demagogia, diciamo pure prendendo per i fondelli gli elettori.
Il Vaticano continuerà ad interferire nella vita pubblica, anzi lo farà legittimato, e guai a chi osa dissentire, L'Italia parteciperà a tutte le guerre, umanitarie, contro il terrorismo , contro la pulizia etnica o a favore del terrorismo, della pulizia etnica e dell'umanità a seconda delle convenienze e di ciò che dicono i padr..pardon, gli alleati americani.
Il governo continuerà a fare ciò che vogliono grandi industriali e tecnocrati, e si metterà (forse) una mano sul cuore di fronte alla prossima Thyssen, per poi tornare a far fare agli affaristi, quelli dall aTAv, della monnezza, dellea utostrade, del mitico Ponte sullos tretto, dei gassificatori e delle centrali nucleari.
Insomma i loro amici e complici, gli unici che sanno che, comunque vada, sarà un successo.

5 commenti:

stargazer ha detto...

Sottoscrivo al 100%. Io però il PD lo chiamo destra moderata e il PDL destra estrema. Se dobbiamo essere americani facciamolo fino in findo, loro quella presa per i fondelli del "centro" non ce l'hanno.

Cmq vadano queste elezioni il cittadino perderà.

carlomatt ha detto...

Beh non sono d'accordo, il correre più o meno da soli del PD è l'unico modo (se Walter vince le elezioni) per cambiare qualcosa nel nostro paese e liberarsi dai ricatti dei partitini e dei vari Mastella, Dini, Pecoraro Scanio, Diliberto etc. Berlusconi ha solo l'idea da caimano di riprendere il potere (comandare è meglio che fottere e se hai più di settant'anni è molto meglio del viagra) per promulgare qualche altra legge a suo uso e consumo ma la sua alleanza non può certo dirsi di centro-destra, è destra e basta anche se è stato creato un finto schieramento ancor più di destra con una ex-velina come candidato premier.
Un'alleanza PD + Sinistra Arcobaleno sarebbe stata sinceramente impresentabile.

pablito ha detto...

Carlo, ma veramente credi che Veltroni sia il nuovo e che l'ex unione avrebbe fatto meraviglie se non per colpa dei "partitini minori"?
Le prime cosa che avrebbero dovuto fare (e credo pure di averlo scritto) erano : nuova legge elettorale e conflitto d'interessi: la prima non l'hanno fatta e del secondo non parlano nemmeno più, e a ragione visto che candidano gente come Colannino e Veronesi o quell'altro del veneto, per cui di conflitti di interesse ne avranno anche loro fin sopra i capelli da ora in avanti.
Se una eventuale vittoria del PD porterà qualche cambiamento (non di merda) nel nostro paese, sono disposto ad andare a piedi fino a Lourdes, tanto per far contento anche Ratzinger (Perché bisogna essere laici non laicisti, direbbe il tuo amico uolter)
Stargazer: sono d'accordo con te, ma non volevo passare per estremista (ergo terrorista)...

pablito ha detto...

Mi sono pure dimenticato un particolare a proposito di "partitini".
Che nella coalizione del Pd ci sono radicali e dipietristi, per non parlare dei teodem.
Una coalizione compatta come il cemento! ( non che di là siano meglio)

niccolo' ha detto...

Troppo d'accordo, grande post. Il partito di destracentrosinistra, ahahah! Quando faranno l'inciucio con Berlusconi diventera' il PDDL (Pardito Democratico Delle Libertà).