sabato, aprile 18, 2009

Terminator: The Sarah Connor Chronicle; Anche i Cyborg hanno un'anima




Avevo già parlato di questo telefilm qui.
Non avendolo potuto seguire nei modi convenzionali a causa della censura (chiamiamola col suo nome) di Italia 1 (o i Tagli-amo- uno, vista la loro tendenza alla censura) ho deciso di utilizzare le grandi risorse della rete.
E così ho potuto scoprire che quello che emi era sembrato un buon telefilm, è probabilmente uno dei migliori degli ultimi anni, sicuramente il migliore nel campo della Science.Fiction.
La storia è apparentemente tanto semplice quanto nota: Sarah Connor (interpretata da Lena Headey ) è la madre di John, (Thomas Dekker) futuro leader della resistenza degli umani contro le macchine guidate da un sistema computerizzato chiamato SkyNet, e deve proteggere il figlio dai Cyborg (meglio noti come Terminator) mandati indietro nel tempo per ucciderlo e uccidere chiunque possa opporsi nel futuro al loro dominio.
Ad aiutare i due Connor, una bella cyborg, di nome Cameron(Summer Glau), in evidente omaggio al creatore di tutto l'ambaradan.
Nelle prime puntate si vede quel che ci si può aspettare di vedere, inseguimenti e lotte. Ma dopo 4 o 5 puntate, e soprattuto nel corso della seconda stagione, il telefilm esplode letteralmente in una trama sempre più complessa, con personaggi sempre più strutturati e sfumati (non tutti, ma una buona quantità) ed interrogativi sempre più pressanti.

La domanda non è più solo; riusciranno i nostri eroi etc, ma ci si chiede se Derek, lo zio del ragazzo venuto anche lui dal futuro, non nasconda qualche segreto inconfessabile, se la graziosa macchina da morte chiamata Cameron non deciderà un giorno di tornare alla sua "mission" originaria. ovvero uccidere il predestinato,
e così via, in un crescendo di interrogativi in cui la trama si sviluppa senza cali di tensione e con l'innesto di pochi ma ben calcolati colpi di scena.
Ma soprattuto il telefilm tocca e sviluppa, certo in modo romanzesco, temi di pressante attualità, come il rapporto tra uomo e tecnologia, quanto macchine così complesse quali quelle che siamo abituati ad usare (compreso il computer sul quale scrivo) siano al nostro servizio, e quanto non sia invece l'uomo ad essere o a rischiare di divenire un appendice o addirittura uno schiavo della macchina.
E ancora, il tema dell'umanità, di cosa distingue l'uomo dalla macchina, in rapporto anche allo studio ed allo sviluppo della Intelligenza Artificiale.
Perchè tra non molto, forse non avremo a che fare con cyborg assassini ma di sicuro dovremo confrontarci con robot come quello rappresentato da John Henry.
Una tale complessità pare addirittura eccessiva per il mezzo per il quale è stato pensato, e difatti gli ascolti sono presto calati, nonostante l'alto gradimento tra i fans del settore.
Ma l'atout del film, prima ancora di trama effetti speciali e sotto testo, per me è lei.
Voglio dire LEI,Summer Glau, la simpatica robottina spezza-ossa.
Infatti il tf si sarebbe dovuto chiamare The Summer Glau Chronicle.
Già dopo poche puntate appare chiaro come la ventisettenne Texana abbia rubato la scena a a Lena Headey, non sempre convincente nel suo ruolo tant'è che le puntate più belle sono quelle dove il personaggio di Cameron è protagonista o almeno centrale nel racconto.
Cameron è protagonista infatti della più straziante scena di "spegnimento" di un robot dai tempi dell'Hal 9000 di Odissea 2001, anzi direi che ne cancella lo sbiadito ricordo.Il modo in cui implora John (che ha una giustificata cotta per lei) è da antologia.


Nella scena seguente in cui danza sembra convincere persino il truce soldato Derek di avere nascosta, in qualche parte recondita del suo splendido corpo artificiale, quella che gli uomini chiamano anima.
Non so rispondere al quesito se i Cyborg abbiano un'anima, ma di sicuro Summer ce l'ha.

8 commenti:

manusco ha detto...

ottima recensione.
permettimi un unico appunto: per me lena heydey (o come si scrive) è invece convincente nel SUO ruolo, quello di madre paranoica e iperprotettiva con una insuperabile diffidenza verso le macchine (in linea con linda hamilton che al massimo stringe la mano a shwarzy alla fine di T2)e che paradossalmente risulta (deve risultare) più "fredda" di cameron.
ovvio che non possa essere un mostro di simpatia insomma...
dopodichè summer glau è fantastica

pablito ha detto...

GRazie per il commento Manusco!
Il mio "non sempre convincente" non si riferisce al personaggio, ma ad alcuni momenti interpretativi di Lena, alle volte è brava, altre volte ho trovato il suo modo di recitare irritante, c'era una puntata in particolare che mi era venuta voglia di prenderla a schiaffi!
Punti di vista ovviamente...
Personalmente sono poi convinto che Sarah abbia una forte gelosia nei confronti di Cameron, in quanto sa che sarà lei ad essere al fianco del figlio nel futuro.
I rapporti tra lei e Cameron sembrano quelli tra suocera e nuora.
Non è un caso che quando appare Riley a "distrarre" John, lei non provochi più Cameron ma anzi la usa per controllare John e la nuova possibile "Nuora", per tornare all'atteggiamento precedente quando Riley...etc.etc

manusco ha detto...

figurati; per me è un piacere commentare (e discutere)
avevo intuito che ti riferissi al modo di interpretare alcune scene da parte di lena, volevo solo farti notare che tra i "contrasti" che si possono trovare nella serie c'è a mio parere anche quello tra una "robotta" che si "umanizza"( e che per questo - oltre all'interpretazione di summer - si fa tifare) e una donna che avendo sostanzialmente la stessa missione del cyborg (salvare john; di qui la gelosia che secondo me è reciproca e si attenua solo di fronte alla minaccia esterna di ryley) rinuncia ai sentimenti diventando quasi più fredda e meccanica dei robots suoi nemici.
per questo tendo a "salvare" lena (anche se condivido l'idea degli schiaffi in alcune puntate)
linda hamilton (che non sorrideva mai nei film) ha tracciato una strada interpretativa per sarah connor; lena l'ha seguita; tra le due preferisco l'originale ma credo che lena faccia tutto sommato bene la sua parte.

pablito ha detto...

Sì hai ragione, ma a mio modo di vedere non è proprio vero che rinuncia in assoluto ai suoi sentimenti, vedi quando non ammazza il quarto dei ragazzi-ladri dopo che Cameron ha ucciso i primi tre.
Commettendo tra l'altro un errore tattico.
E' vero che nel finale tratta malissimo Charley, e non si capisce perché lo vada a trovare, allora.
Diciamo che il suo sentimento è tutto verso il figlio, un sentimento di amore assoluto, che la porta ad una durezza esteriore ed (apparente) insensibilità verso il resto del mondo.

manusco ha detto...

ok provo a rispondere anche a quest'ultima (condivisibile)osservazione, sperando di non annoiare: sarah non potrà mai essere completamente un automa cosi' come cameron non diventerà mai un essere umano ( a meno che tra le letture preferite dagli autori non ci sia pinocchio)ma è la diversa interpretazione di una comune "missione" ad indurle a quei comportamenti.
una domanda: hai visto tutte le puntate della seconda serie? perchè la galleria video con le sequenze memorabili di cameron - summer può essere aggiornata e parecchio.

pablito ha detto...

No, non annoi, anche perché un blog viene anche fatto per essere commentato, sopratutto se i commenti sono pertinenti.
Video:Ho visto tutte le puntate, però non voglio spoilerare troppo.
Inoltre questo blog si occupa ogni tanto di telefilm, non è dedicato a loro, quindi mi pare che un paio di video bastino.
Però la tentazione di mettere quello dell'ultima puntata ce l'ho avuta XD
Poi sappiamo che YouTube cancella i video in continuazione... :-((

pablito ha detto...

PS
Se vuoi possiamo continuare la discussione in privato la mia email è visibile in alto a dx nella home.

Akabei Otaku ha detto...

Save “Terminator: The Sarah Connor Chronicles” on Facebook