venerdì, dicembre 22, 2006

Berlusconi è un robot!


Stamani, dopo aver fatto colazione, accendo la tele. Passo tra i canali e vado su Canale 5. Stanno trasmettendo il telegiornale delle 8. Vedo una signora infreddolita col microfono in mano e la sovrascritta ci informa che la signora si trova a Macherio. Infatti sta aspettando il presunto arrivo di Silvio Berlusconi, rientrante dalla trionfale tourneé americana, dove lo hanno operato al cuore (stava benissimo comunque, disse l'Emilio).
In realtà la poveretta è stata spedita a Macherio ad aspettare il Capo, ma lei stessa ci informa che forse Berlusconi andrà ad Arcore, e forse, chissà, non arriverà a minuti od entro un'ora, ma magari in tarda serata. E a quel punto mi commuovo per la giormalista, mandata a prendere il freddo per darci dei dettagli di un avvenimento di cui, non solo non ce ne frega un beato, ma neanche esiste, perché il berlusca non ci pensa nemmeno ad arrivare, e anche se lo facesse filerebbe dritto a casa.
Alla direzione del canale un simile servizio non può bastare, sono o non sono una telvisione libera ed indipendente? e allora ci ammanniscono altre immagini, "di repertorio" con la voce registrata del Duce (no, non quello là, quest'altro) che ci spiega delle cose importantissime e condividibilissime.
Per esempio che l'Occidente sta portando i suoi valori di libertà e amore nel Mondo (quindi quelle cose che esplodono sulle teste degli irakeni e degli afgani dei palestinesi e non so di chi altro ancora, non sono bombe a frammentazione piene di uranio impoverito, ma torte di mele e cioccolatini fatti e confezionati con amore)che lui riprenderà la sua lotta liberale (sentivo la mancanza di questa parola) contro il governo che è dominato dall'ideologia dell'estrema sinistra (quel bolscevico di Padoa-Schioppa) e blablablabla.
Ma una cosa mi colpisce: Berlusconi non dice che ha fatto un'operazione al cuore perchè ha dei problemi di salute, ma afferma che "ha portato il motore a fare la revisione".
Strano mi dico, generalmente gli esseri umani non hanno motori o cinghie di trasmissioni, ma organi, sani o malati che siano.
E a quel punto ho una illuminazione decisiva. Berlusconi non è umano. Berlusconi è un robot.
Tutto quadra. Quando si era sentito male sul palco del famoso comizio, si era come spento, ricordando l'HAl9000 di Odissea nello spazio, ma anche il viscido Bishop di Alien.
Poi va a farsi curare negli States. E perchè non in Italia, dove ci sono ottimi specialisti in cardiologia? Semplice, perché sono medici e quindi non saprebbero dove mettere le mani per "revisionare" il motore.
Quini non si trattava di sfiducia verso la medicina italiana, ma necessità bio-meccanica.
Peccato che abbiano cambiato i transistor e le cinghie, ma il software pare sia rimasto lo stesso

3 commenti:

Linus ha detto...

Berluska robot-kaiser...

erri ha detto...

Ciao!
Torno a ripetere il mio mantra: gli italiani l'hanno scelto, l'hanno votato. E' lui il modello. Modello culturale e morale. Chi può dimenticare le denunce sulla deriva culturale del paese da parte di Pasolini ed altri intellettuali negli anni 70 ed 80? Oggi le conseguenze sono sotto gli occhi di tutti... e la cosiddetta sinistra continua a non riconoscere le proprie responsabilità politiche, a non capire il passato e di conseguenza a non progettare. Anzi, fa l'occhiolino al vaticano, l'altro responsabile (forse più consapevole) di tanto sfacelo.
Come il suo modello, l'Italia è un motore senz'anima. Io, un oscuro invisibile granello di sabbia negli ingranaggi.
Stamattina, nella squallida città del nord-est dove vivo, tre folli portavano sul petto grandi cartelli: SI REGALANO ABBRACCI.
Non ci avranno mai!

pablito ha detto...

Erri. è già tanto che il cartello non avesse scritto:
SI VENDONO ABBRACCI