venerdì, maggio 19, 2006

Codice da Vinci 2

Leggo la notizia che due tristi e loschi figuri intendono bruciare delle copie del libro "Il codice da Vinci".
Motivazioni: le solite che usano gli integralisti di ogni risma e le teste vuote di ogni dimensione. Offesa intollerabile alla nostra civiltà blablabla. Memore di quanti improvvisati difensori della libertà di parola e financo di bestemmia si erano mobilitati all'epoca delle vignette su Maometto (che effettivamente davano del terrorista a Maometto ergo a tutti i musulmani, quindi un tantinello offensive e razziste lo erano, digiamocelo... digiamocelo) mi aspetto ora una altrettanto netta alzata di scudi ed una bella e vivace manifestazione bipartisan, indetta da Giulianone Ferrara, con l'appoggio dei vari Belpietro e di quel luminare di Vittorio Feltri e con ampia partecipazione di esponenti di spicco di tutti i partiti, nonchè la condanna delle gerarchie vaticane di questo ignobile atto di intolleranza e liberticida della libertò di espressione, fondamento della civiltà occidentale, che è migliore delle altre perché da noi si può dire di tutto anche che Berlusconi è ********.
Sono troppo ottimista per caso?

Nessun commento: