sabato, maggio 20, 2006

Dia il buon esempio, Cavaliere

Una delle ultime boutade del Cavaliere appena defenestrato da Palazzo Chigi, suona pressapoco così: "Il Milan è vittima dello scandalo del calcio, Ci restituiscano due scudetti" e in aggiunta" Galliani non si deve dimettere perché si è comportato correttamente"
L'uomo perde la poltrona ma non il vizio: fare finta di essere la vittima quando è il carnefice: In realtà il Milan è dentro allo scandalo Moggi-juve-Gea fino al collo e un po' oltre. Tutti sanno che tra juve e milan esisteva (e tuttora esiste) un patto di ferro, con tanto di amichevole rituale celebrativa ogni agosto. Tale patto di ferro si basava sugli accordi televisivi tra mediaset e la società bianconera, su svariati accordi commerciali e sulla non ingerenza nelle campagne acquisti delle 2 squadre. Non solo, ma le intercettazioni documentano come Moggi abbia procurato i voti a Galliani necessari alla sua elezione e rielezione ai vertici della Lega Calcio. Il Milan è coinvolto con uno dei suoi dirigenti nello scandalo. E se parliamo di Scudetti da restituire dovremmo parlare allora anche dello scudetto 2003-04 vinto dal MIlan davanti alla Roma con una serie piuttosto evidenti di sviste arbitrali a favore della compagine rossonera.
Inoltre la frequentazione dei vertici rossoneri con il signor Moggi è ben precedente all'arrivo di questi alla Juventus, ma risale a quando Lucianone stava dall'altra parte della barricata ovvero era dirigente del Torino e, in questa veste, ebbe uno ruolo rilevante nell'"affare Lentini", affare a cui si può far risalire come inizio della caduta del mondo del calcio (già prima tutt'altro che immacolato) nel fango della corruzione più assoluta che oggi è finalmente sotto gli occhi di tutti.
Il Milan è responsabile tanto quanto la juventus di quello che è accaduto, per cui, Cavaliere, visto che le piace primeggiare, dia finalmente il buon esempio, restituisca il maltolto!

Nessun commento: