sabato, maggio 06, 2006

Lucky Luciano e gli scopritori di acqua calda



Le recenti intercettazioni telefoniche dove vengono scoperti gli altarini del nosro calcio, e in cui emerge che Luciano Moggi, dirigente della Juventus (ed ex DS di Napoli , LAzio Torino eccecc) facesse e disfacesse a suo piacere, designando in pratica lui gli arbitri e influenzando campagne acquisti di questa e quella squadra attraverso la società GEA diretta dal figlio, hanno fatto scalpore.
Però ancora una volta mi dico: è possibile che ci sia tanta gente che scopre l'acqua calda?
Ho un libro che si intitola "Lucky Luciano" è fin troppo ovvio chi sia il protagonista: è un libro scritto mi pare nel 2000, se non prima. e lì è già scritto tutto di "Lucianone".
Quello che ha fatto alla lazio, al Napoli, al Torino, quello che gli è stato impedito di fare alla Roma (grazie a Sensi e all'indimenticato Dino Viola). tutte cose note.
Per il resto queste telefonate rendono noto solo quello che era chiaro per chi non crede alle versioni ufficiali.
Moggi sceglieva gli arbitri fin dai tempi del Napoli, perché mai non dovrebbe farlo ora?.
Al Torino vendeva per milioni di lire dei giocatori che in realtà facevano gli studenti universitari.
E come si può pensare che sia regolare un campionato in cui vincono sempre le stesse due ( e alla terza, ovvero l'intere del patetico Moratti viene riservato qualche premio di consolazione.)
Le uniche eccezioni a questo andazzo sono state Lazio e Roma vincenti nel 200 e nel 2001, in un momento in cui la federazione era Commissiariata ovvero c'era un vuoto di potere.
Ma Roma e LAzio hanno dovuto svenarsi per fare squadre competitive, col risultato di essere poi travolte o comunque ridimensionate dai debiti, mentre altri mandavano in campo giocatori prelevati dall'interregionale (vi ricordate torricelli?) che di colpo diventavano dei fenomeni per poi tornare al loro (scarso ) livello una volta smollati dalla più grande farmacia d'Italia, ovvero la Juventus.
In questo anni in tutte le trasmissioni sportive il signor Moggi ha imperversato, è stato ospite d'onore senza che nessuno mai gli ponesse una domanda "inopportuna". Addirittura viene fuori che diceva ai moviolisti cosa dovevano e non dovevano dire.
Mi pare questo un perfetto esempio di cosa sia l'Italia di oggi un paese in cui, non solo chi è più furbo (ma dovremmo dire disonesto) la sfanga, ma pure che ha gli onori mentre gli onesti (vedi Zeman o il dimenticato De Sisti, fatto fuori dalla GEA di Moggi) sono emarginati.
Spero di sbagliarmi, ma alla fine il sistema assolverà tutti perché deve autoassolversi.
_________________

1 commento:

PerdoPabloPasculli ha detto...

Questo calcio mi fa Skyfo!
Non c'è da sorprendersi a leggere le intercettazioni telefoniche del signor Moggi (mafioso come "zziu Binnu" Provenzano). Erano cose risapute, immaginate e date per scontate da chi conosce il calcio e lo segue da appassionato prima ancora che da tifoso. Perchè per esprimere un punto di vista obiettivo occore liberare gli occhi dal colore della maglia per cui si fa il tifo. Questo calcio fa sempre più Skyfo! Tutti collusi.. società importanti, arbitri e federazione!
Come sono lontane le partite di Coppa dei Campioni (e non di Ciempionz Lig!!!) trasmesse sulla Rai e commentate dal mitico Bruno Pizzul.. come sono lontane le sgroppate di Ruud Gullit sulla fascia e le giocate di classe cristallina del Cigno di Utrecht, Marco Van Basten (per chi nn sapesse di chi sto' parlando).. come sembrano irraggiungibili anche per noi e non solo per i portieri le punizioni di Diego Armando Maradona all'incrocio dei pali.. oppure ancora la "recorrida memorable" del Pibe de Oro ai Mondiali dell'86.. come anche il gran gol in palleggio e mezza rovesciata di Platini annullato per un fallo inesistente in un Europeo di quegli anni.. oppure Franco Baresi che esce palla al piede dopo aver sdradicato il pallone dai piedi di un Pato Aguilera sbigottito che, pur essendo in fuorigioco di 6 metri, si è appena visto portare via il pallone dall'ultimo interprete del ruolo di libero della storia del calcio (libero inteso come ultimo uomo..come l'ultima speranza per la squadra di non prendere gol.. libero nel senso che se saltano lui siamo fottuti!).. e come avremmo voluto non fosse mai finita quella corsa orgasmica e liberatoria di Marco Tardelli dopo il gol nella finale di Spagna'82 e Nando Martellini che graidava CAMPIONI DEL MONDO! CAMPIONI DEL MONDO!
In quei tempi poteva anche accadere che una squadra retrocessa matematicamente in serieB come il Lecce (stagione 85/86) andasse a espugnare l'Olimpico per 3 a 2 nella penultima giornata giocando la partita della vita e togliendo lo scudetto alla Roma per regalarlo alla Juventus.. oggi invece accade che la Juventus passeggi per 8 minuti in casa di un Siena evidentemente venduto alle volontà dei MAFIOSI della triade.. oggi lo scudetto alla Juventus lo regalano squadre servili, gli arbitri e la federazione!
Come sembrano lontati quei tempi.. Questo calcio fatto di sponsor, di televisioni, di interessi economici troppo alti non è più lo stesso.. Hanno pescato Moggi perchè è successo a lui ma i "Moggi" di Inter e Milan non sono sicuro da meno! Ai ragazzi che crescono con questi esempi occorrerebe spiegare che il calcio in realtà è tutto un altro sport.. ma questo è tutto un altro discorso.

QUESTO CALCIO MI FA SKYFO!!!