mercoledì, maggio 06, 2009

C'è Notizia e notizia

Tutti saprete della notizia del divorzio (annunciato) tra Veronica Lario e Silvio Berlusconi. Questa notizia occupa le prime pagine dei giornali, e non parliamo di giornali dedicati alla nobile arte del gossip, ma di giornali politici e di opinione.
Addirittura, ieri sera, l'untuoso Vespa ha dedicato l'intera puntata di porta a porta a questo importante avvenimento, ospitando il Cavaliere preoccupato, più che di aver spezzato il cuore alla consorte, di un immediato calo dei consensi dovuto alla storia veline candidate/diciottenni innamorate e dintorni.
Molto meno spazio hanno avuto altre notizie, secondo me ben più importanti.
Per esempio che i soldati italiani in (presunta) missione di pace (?) in Afghanistan, abbiano ucciso una ragazzina di tredici anni, sparando nel lunotto posteriore della macchina, come mostrano le immagini (d'altro canto le ragazzine di tredici anni non guidano, quindi ovviamente stava sui sedili posteriori).
Una notizia che, al di là della giovane vita spezzata, ci dovrebbe far riflettere su cosa stanno a fare i soldati italiani in quella regione, e quali siano le prospettive di una guerra che, dopo quasi 8 anni, è ben al di là dall'essere stata vinta.
E aggiungerei in cosa consisterebbe la vittoria? la cattura di BinLaden, originaria motivazione? La creazione di una democrazia sul modello occidentale, che fu il secondo utopico obiettivo sbandierato, il controllo di qualche risorsa economica o di qualche oscuro obiettivo geopolitico?
Cosa vale la vita di quella ragazzina,e di tutti gli altri, compresi quelli morti oggi?
Altra notizia forse a noi più vicina: secondo Freedom House, una importante ed autorevole organizzazione che monitora il grado e lo stato della libertà di informazione, l'Italia non è più un paese libero ma "parzialmente libero".
Per saperne di più (se sapete l'inglese) andate qui
Anche questa notizia che spazio ha avuto?
Ma se pensiamo che in fondo, la guerra non ci riguarda, e i giornali in fondo non li leggiamo o non ci abbiamo mai creduto, dovremmo almeno preoccuparci della situazione economica.
Il duo Berlusconi- Tremonti ci ha raccontato per mesi che non c'era la crisi, o meglio c'era ma era un robetta, al massimo un 2% in meno (come se fosse poco).
Beh, dopo varie revisioni sempre più nere, persino il garrrulo Tremonti ha dovuto rivedere al ribasso la crescita, o meglio la decrescita. Per il 2009 è previsto un -4,2%, ma questa è la valutazione del governo, che di questi tempi l'anno passato prevedeva una crescita di mezzo punto, ed invece si è andati sotto di un punto intero.
Insomma, può andare anche peggio.
Ho finito? Neanche per idea, ce ne sono altre di notizie rilevanti, da quella che si voleva trasformare, dopo i medici ed i vicini di casa, anche i presidi in delatori per questa nuova casta di paria che sono gli immigrati "clandestini" che significa solamente che non sono in regola con il permesso di soggiorno, mica che hanno ammazzato qualcuno.
Un'altra la segnala l'amico Erri e riguarda il termo valorizzatore di Acerra, ed invito a leggere il suo articolo, per molte ragioni.
Insomma, ma veramente questo Paese deve dipendere da ciò che succede nel Talamo dell'imperatore? Siamo diventati tutti delle comparse da Reality Show?

1 commento:

cometa ha detto...

Ovviamente sono perfettamente d'accordo.
Come scrivevo da me, sono preoccupato del fatto che anche gran parte dei blog (e non solo quelli "inutili") si sono allineati al gossip. Altro che giornalismo dal basso, altro che informazione indipendente! I blog sono diventati una specie di reality show di nicchia, per tipi troppo vecchi o brutti o intelligenti per andare in TV. Ma esibizionisti come i tronisti.
Come canta il vecchio...ciao, erri